Nuvole barocche – Fabrizio De André

Raccolta delle migliori frasi di Nuvole barocche (album Fabrizio De André).

Se ansia di gloria e sete d’onore spegne la guerra al vincitore, non ti concede un momento per fare all’amore.
Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers

Non tutti nella capitale sbocciano i fiori del male, qualche assassinio senza pretese lo abbiamo anche noi in paese.
Delitto di paese

E fu la fine di tutto per noi, resta il passato e niente di più. Ma se ti dico: “non t’amo più”, sono sicuro di non dire il vero.
E fu la notte

Senza pretesa di voler strafare, io dormo al giorno quattordici ore, anche per questo nel mio rione godo la fama di fannullone.
Il fannullone

Tu vaghi per le strade quasi tutta la notte, sognando mille favole di gloria e di vendette, racconti le tue storie a pochi uomini ormai stanchi, che ridono fissandoti con vuoti sguardi bianchi.
Il fannullone

Tu reciti una parte fastidiosa alla gente, facendo della vita una commedia divertente.
Il fannullone

Non si risenta la gente per bene se non mi adatto a portar le catene.
Il fannullone

Ti diedero lavoro in un grande ristorante a lavare gli avanzi della gente elegante, ma tu dicevi: “il cielo è la mia unica fortuna, e l’acqua dei piatti non rispecchia la luna”.
Il fannullone

Ricordi? Sbocciavan le viole con le nostre parole: “Non ci lasceremo mai, mai e poi mai”. Vorrei dirti ora le stesse cose, ma come fan presto, amore, ad appassire le rose.
La canzone dell’amore perduto

L’amore che strappa i capelli è perduto ormai, non resta che qualche svogliata carezza e un po’ di tenerezza.
La canzone dell’amore perduto

E quando ti troverai in mano quei fiori appassiti al sole di un aprile ormai lontano, li rimpiangerai, ma sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d’oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo.
La canzone dell’amore perduto

Tu mi hai insegnato a vivere: insegnami a partir.
Nuvole barocche

Carezze lusinghe abbandoni, poi quegli occhi di verde dolcezza, mille e una di queste promesse.
Nuvole barocche

Tu mi hai insegnato il sogno, io voglio la realtà.
Nuvole barocche

I tuoi larghi occhi che restavan lontani anche quando io sognavo, anche mentre ti amavo.
Per i tuoi larghi occhi

Se tu tornerai, t’amerò come sempre ti amai, come un bel sogno inutile che si scorda al mattino.
Per i tuoi larghi occhi

Quando carica d’anni e di castità, tra i ricordi e le illusioni del bel tempo che non ritornerà, troverai le mie canzoni, nel sentirle ti meraviglierai che qualcuno abbia lodato le bellezze che allor più non avrai e che avesti nel tempo passato.
Valtzer per un amore

Non ti servirà il ricordo, non ti servirà che per piangere il tuo rifiuto del mio amore che non tornerà.
Valtzer per un amore

Forse non ce ne accorgiamo ma, più ancora del tempo che non ha età, siamo noi che ce ne andiamo.
Valtzer per un amore

Amor, io t’attenderò ogni sera, ma tu vieni, non aspettare ancor, vieni adesso finché è primavera.
Valtzer per un amore

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime novità

Altri post