La complicità

La complicità (Carmen Ferreri)

“Ho nelle mani tutti i tuoi consigli, li stringo forte quando tu mi manchi…”


Capita, in alcuni assetti familiari, che una delle due figure genitoriali sia assente a causa di varie vicende: un lavoro che assorbe la maggior parte del tempo che verrebbe altrimenti speso con i figli, una separazione, un vero e proprio abbandono o un lutto.

Di qualsiasi motivo si tratti, a soffrire di più sono proprio i figli, che si trovano anche solo parzialmente privati della presenza costante di uno dei loro punti di riferimento.

Come molti dei brani inediti presentati nella 17a edizione del talent Amici (vedi Un giorno in più di Irama, Salutalo da parte mia e Non c’è di Einar), questo brano è rivolto a un genitore e, in particolare, a un papà costretto dal suo lavoro ad allontanarsi dalla famiglia per lunghi periodi.

Molti mesi dell’anno io li passo senza il mio papà perché è imbarcato, quindi fa un lavoro che lo porta a stare lontano dalla famiglia, da tutti i familiari, i parenti, gli amici. È da quando sono bambina che lui non c’è. Questa cosa ovviamente mi porta una mancanza forte, perché magari nei momenti più belli della mia vita […] lo vorrei vicino e non c’è. (fonte: Audizione di Carmen ad Amici)

Tuttavia, se il genitore riesce a trascorrere del tempo di qualità con i figli nonostante la propria assenza forzata, allora nulla può rompere il rapporto di complicità che si va instaurando anche in quei brevi frangenti passati insieme.


Nei nostri giorni non c’è stato tempo
di dimostrare cosa abbiamo dentro

Il tempo non sembra essere mai abbastanza per poter vivere un sentimento, un’emozione.

Tuttavia accade che, anche quando il tempo lo si ha, rinviamo le cose nella vana illusione che ciò che vogliamo fare insieme a una persona possiamo posticiparlo, perché tanto ci sarà un’altra occasione in futuro.

Invece il tempo sfugge e, quando ormai è troppo tardi per vivere un rapporto, si resta con un amaro senso di rammarico.

Troppo impegnati a diventare grandi
a non capire che tra noi
non c’è soltanto quello stesso sangue

La vita costringe a ritmi serrati che non danno spazio al potersi esprimere come si vorrebbe: bisogna gestire i mille impegni, il lavoro, e quasi si è costretti a non potersi fermare e godere dei bei momenti.

La cantante, mentre riflette su tutto questo, si rende anche conto che il legame tra genitori e figli è fatto di affetto, spirito e sentimenti, andando ben oltre la semplice parentela.

Nessun amore sarà così grande
Se ti fermassi ad ascoltare il vento
sentiresti che…

Vorrebbe dire al padre che ha voglia di averlo accanto a sé stabilmente per potergli raccontare tutta la propria vita.

Non avendolo fisicamente vicino, consegna al vento le proprie parole. Se lui fosse meno dedito a ciò che lo impegna per portare avanti la famiglia, forse riuscirebbe a sapere qualcosa in più di lei.

Quelle poche volte che si vedono è talmente poco il tempo a disposizione da non trovare nemmeno la possibilità di parlare, ma basta anche solo un abbraccio, un gesto, per poter esprimere tutto l’affetto arretrato.

Mai, non ci siamo persi mai
neanche quando me ne andai
nascondendo le mie lacrime alle tue

Quando esiste un legame forte non ci si perde anche se si è lontani, perché rimane il grande amore provato da entrambi.

I distacchi sono sempre drammatici e, quando ci si separa, si vive quel momento di commozione che si tende a non far vedere all’altro, per non farlo andar via con un senso di angoscia.

Quelle lacrime, però, pur non potendole mostrare, alla fine ti piangono dentro.

Avrei bisogno di abbracciarti ora
di farlo adesso mentre il tempo vola
Anche di spalle abbiamo dentro gli occhi la complicità

Quando una persona cara non c’è e si ha voglia di sentirne il calore si ha un senso di dolore e tormento.

“Fai la tua strada” mi dicevi sempre
“Scrivi i tuoi sogni e vivi intensamente
In ogni passo cerca la speranza e la tua dignità”

I genitori si rivolgono ai figli con lo sprone di andare avanti, stimolandoli a “uscire fuori dal guscio” non perché li si vuole abbandonare, ma per renderli più indipendenti e autonomi.

Quando c’è complicità tra le due parti, i figli comprendono la benevolenza di questo intento.

Ora che il padre è lontano sia fisicamente che temporalmente (essendo imbarcato non è possibile sentirlo per telefono), lei continua a ripercorrere quei pochi momenti intensi vissuti sporadicamente insieme.

Riviverli è il suo carburante affettivo: ricorda come lui la sproni a fare ciò che più le piace e a non perdere mai se stessa.

Lui c’è e, anche se non è presente in quel momento, la speranza di ritrovarsi a breve è sempre viva.

Ho nelle mani tutti i tuoi consigli
li stringo forte quando tu mi manchi
I sacrifici di una vita intera per la mia libertà

Il bagaglio di raccomandazioni del padre è come un decalogo, un tesoro da tenere sempre a mente.

Lei sa che il sacrificio di lui rientra in quelli che un genitore fa per rendere migliore la vita della propria famiglia.

Mai, non ci siamo persi mai
neanche quando me ne andai
nascondendo le mie lacrime alle tue

L’artista si rende conto che i familiari sono il suo unico vero punto di riferimento, perché la verità, cioè ciò che è tangibile e che si vede, risiede nella stabilità affettiva dei suoi cari, su cui sa di poter sempre contare.

In questo specchio vedo la tua vita e la mia dignità

La cantante, quando si guarda allo specchio, si rende conto di essere il frutto delle rinunce del padre e di quello che è stato capace di infonderle, ovvero la capacità di avere una dignità e di vivere l’orgoglio della propria famiglia.

Siamo un silenzio che non ha confini
anche lontani siamo più vicini

Anche se non si parlano, il silenzio che attanaglia entrambi al contempo li unisce.

Nel loro caso si tratta di un silenzio eloquente, che racchiude tante parole, tanti sguardi, tante lacrime e tanti abbracci mancati, che presto verranno rivissuti.

Cerca quindi di farsi bastare quel minimo che vivono insieme, per i periodi in cui il padre non c’è.

Non sarà certo la lontananza a separarli, perché sanno che c’è l’amore a tenerli uniti.

data
argomento
La complicità (Carmen Ferreri)
51star1star1star1star1star